BENVENUTI NEL MIO BLOG

BENVENUTI NEL MIO BLOG
Clicca sull'immagine per iscriverti al mio canale You-Tube

Una crisalide


Nelle pieghe del desiderio, vagabondavano assuefatti. 
Nel trepido intreccio delle loro menti, legate da lacci invisibili, si muovevano senza mutare la direzione, in un’attrattiva senza confini, senza limiti. E la passione che, elettrica, correva su quei fili, non faceva altro che generare pensieri. Idee di appartenersi, anche solo con una carezza o un fugace contatto. Contatto che avrebbe generato brividi simultanei, avvertiti con la stessa potenza, senza alcuna limitazione di sorta. Conoscere l’uomo e la donna della propria vita, l’altra metà della mela, era, per loro, una ricerca incosciente, eppure presente, viva e senza sosta. Uomo e donna che, nei rispettivi sogni, si ricoprivano d’argilla per prendere le sembianze di quello che era il più nascosto dei loro desideri. 
Svelando la scenografia limbica di quello che aspiravano di essere. 
Di quella consistenza che avrebbe dovuto avere la loro vita al sorgere del sole e non soltanto la notte, momento in cui, nelle articolate immagini dei pensieri sognanti, si mostravano fieri, forti di sapersi fin dentro le ossa, di conoscersi, di accettarsi senza alcuna remora, senza alcuna finzione. 
Eppure l’interruttore dei sogni era sempre lo stesso e faceva clic, con puntualità, al risveglio. Risveglio che li catapultava, quasi con violenza, in altre vite. Li posizionava, come in due opposte scacchiere, in altre direzioni. 
Così a loro non rimaneva altro che un tiepido ricordo pronto a riscaldarsi di nuovo e diventare incendio, all’arrivo della luna o di piccole e frammentate stelle. 
Ma il destino giocava un’altra partita. Partita parallela a quella che giocavano loro. Una parallela pronta a mutare, in un solo momento, tutte le regole della geometria solida. Pronta ad intersecarsi in una retta e da quella prendere le sembianze di un nodo. 
Nodo sottomesso alla forma del loro sguardo, nel giorno in cui si videro, per la prima volta. Fu allora che avvenne la metamorfosi della crisalide. 
Una metamorfosi di lava e terremoto che alterò ogni singola cellula dei loro corpi. Corpi che, in una sinuosa danza dei sensi, si fusero per costruire una dimensione parallela, carica di attimi, momenti. Gocce di elemosinato tempo ma vissuto in maniera così intensa da diventare una storia: la storia. 
Da allora, in quella storia, ogni giorno, si incarnava la meraviglia di volersi, di appartenersi, di essere di due una persona sola. Prendendo consapevolezza di essersi veramente appartenuti in un’altra vita. Vita che diventava un miraggio quando ognuno ritornava, a malincuore, nei propri angoli d’infelice mondo. Eppure, quando bevevano dal calice del loro amore, avveniva, straordinario ed intenso, il connubio delle anime e miriadi di lucciole si incendiavano negli occhi. 
In quella tormenta d’istinto e desiderio si prendevano e si incastravano, prima nei gangli della mente, poi nello sguardo fino ad abbandonarsi, con estrema voluttà, nelle voglie più nascoste nell’iride. 
Iride che parlava, sottovoce, il loro linguaggio segreto anche se le loro bocche rimanevano serrate ed ammutolite, in un bacio profondo e prolungato. Eppure, quando l’odio antico dei rispettivi avi decise che era giunto il tempo di mettere fine a quel sogno, avvenne una trasformazione: al rovescio. La farfalla ritornò crisalide, le ali si arrotolarono nel guscio appiccicoso, rimanendo intrappolata in uno spazio diventato oramai sempre più stretto, quasi asfissiante. La genesi di una tragedia. 
Così pian piano iniziò a farsi strada la consapevolezza. La consapevolezza, una volta divisi, di non essere mai più se stessi. Di non trovare l’altra metà della mela in altri volti. Di non legarsi indissolubilmente in altri abbracci. Di non riprendere la forma di quello che erano un tempo in altri corpi. Una lotta finita, ancora prima di iniziare, contro “l’impossibile”. Perché era solo in quell’amore che ognuno ritrovava la “possibilità” di vivere ancora. Fu così che morì la speranza. E con la speranza vennero assassinati i corpi, per loro stessa mano. Corpi legati tristemente al casato di quei nomi: Montecchi e Capuleti.    

Il caso Antigone [2019 - Pensa Editore]

Il caso Antigone [2019 - Pensa Editore]
Per ordinare il libro clicca sull'immagine

L'ultima luna [2017 Pensa Editore]

L'ultima luna [2017 Pensa Editore]
Acquista on-line cliccando sulla copertina

La ragazza di Vizzini [2018 -Delta 3 Edizioni]

La ragazza di Vizzini  [2018 -Delta 3 Edizioni]
Acquista on-line cliccando sulla copertina.

IL MIO STUDIO LEGALE

IL MIO STUDIO LEGALE
Clicca sull'immagine per avere maggiori informazioni.

Strumenti di tutela per gli indigenti e per le donne vittime di violenza

Strumenti di tutela per gli indigenti e per le donne vittime di violenza
Clicca sull'immagine per saperne di più

Progetto #AmoreTossico #PanchinaRossa

Progetto #AmoreTossico #PanchinaRossa
Clicca sull'immagine per sapere di più del progetto

Le metamorfosi dell'amore: lo STALKING.

Le metamorfosi dell'amore: lo STALKING.
Clicca sull'immagine per vedere il video del mio intervento